Con la delibera 86/2020/R/EEL del 24 marzo 2020, l’Autorità di regolazione (ARERA) ha posticipato i termini previsti dal provvedimento 149/2019/R/EEL, sulle modalità di attuazione delle norme CEI 0-21 e CEI 0-16 edizione 2019.

Premesso che per gli impianti installati dal 22 dicembre scorso è d’obbligo la corrispondenza dei dispositivi (inverter, protezioni d’interfaccia, sistemi di accumulo) all’edizione 2019 delle norme, il punto 3 della deliberazione 149/2019/R/eel stabiliva che per le domande di connessione presentate dal 1° aprile 2020 sarebbe stato necessario attestarne da conformità tramite un certificato rilasciato da un laboratorio di terza parte accreditato (e non solamente con una dichiarazione del costruttore).

________________________

Posticipato il termine di 6 mesi

La delibera 86/2020/R/EEL ha posticipato il termine di 6 mesi, dal quale disporre della certificazione rilasciata da un ente terzo: dal 1° aprile al 1° ottobre 2020.

Questo a fronte delle richieste delle associazioni e degli operatori, in primis i produttori di inverter e di sistemi di accumulo, che a causa del virus COVID-19 non hanno potuto eseguire i test e ottenere i certificati di corrispondenza alla normativa presso i laboratori accreditati per i loro prodotti.

Si possono quindi ancora utilizzare le dichiarazioni del costruttore già disponibili, redatte nella forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.