Con le spiegazioni fornite nelle nuove faq dall’Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, è stato quindi affermato che, per accedere ai bonus fiscali, l’impianto di riscaldamento a gas non può continuare a coesistere con quello a pompa di calore ad alta efficienza o con quelli geotermici a bassa entalpia.
 
detrazioni-pompe-caloreIn sostanza, chi decide di installare un condizionatore che abbia anche la funzione di pompa di calore può farsi rimborsare il 65% delle spese (sotto forma di detrazioni Irpef da spalmare in dieci anni) solo se cambia totalmente il metodo di riscaldamento dell’immobile, eliminando termosifoni e vecchia caldaia a gas.
 
Diverso è il caso in cui in un appartamento, riscaldato con un impianto a pompa di calore, si sostituisca una unità esterna di condizionamento con un’altra più efficiente. In questa situazione, l’Enea ha affermato che l’intervento può usufruire della detrazione fiscale.
 
Secondo l’Enea, infatti, ai sensi del DM 19 febbraio 2007 sono agevolabili gli interventi di sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, con impianti a pompa di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia.
 
Dato che dopo l’installazione del nuovo generatore bisogna verificare e mettere a punto il sistema di distribuzione, a detta dell’Enea per usufruire degli incentivi l’intervento deve necessariamente comportare la sostituzione del generatore di calore e può poi comprendere anche altre opere sulla rete di distribuzione e sui corpi di emissione.
 
Dal momento che non esiste una definizione specifica del termine “sostituzione parziale”, dopo un consulto con il Ministero dello Sviluppo Economico l’Enea ha stabilito che ogni unità esterna dell’impianto può essere assimilata al generatore di calore. Ne consegue che la sostituzione di una unità esterna rientra tra gli interventi agevolabili.
 
Nell’affermare questo principio, l’Enea ha nuovamente ribadito che non possono coesistere due differenti sistemi di riscaldamento. L’impianto a pompa di calore deve cioè assolvere esclusivamente alla climatizzazione invernale dell’appartamento. Fonte