Fioccano delibere da parte dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, delibere che coinvolgono in particolare gli impianti di produzione di energia elettrica. In questo caso la delibera 578/13 porta con se una novità che non implicherà particolari incombenze ai produttori e ai tecnici e progettisti.

Si tratta come detto della delibera 578/13 ovvero “regolazione dei servizi di connessione,  misuratrasmissionedistribuzionedispacciamento e vendita nel caso di sistemi semplici di produzione e consumo”. La necessità di poter misurare l’energia effettivamente consumata all’interno dei sistemi semplici di produzione e consumo, ha reso necessario disporre non solo della lettura dell’energia immessa e prelevata dalla rete, ma anche quella prodotta.

CONTATORE ENERGIA ELETTRICAQuindi a partire dalla data di entrata in vigore del TSSPC (Testo Integrato dei Sistemi Semplici di Produzione e Consumo delibera 578/13) si dovranno installare i contatori dell’energia prodotta anche in impianti in Scambio Sul Posto. Rimangono ovviamente “immuni” da questa incombenza (che in ogni caso è onere del distributore) gli impianti in cessione totale. Insomma si ritorna alle origini, con due contatori (M1 e M2) anche per gli impianti in scambio non incentivati.

Occorre quindi predisporre negli schemi tale contatore nelle nuove connessioni. I distributori stanno comunque richiedendo la modifica degli schemi anche per impianti con domanda di connessione già inoltrata ma che ancora non hanno perfezionato il regolemento di esercizio. Per chi fosse interessato, la lettura della delibera 578/13 contiene tra le righe anche altri aspetti legati alla necessità di misurare l’energia prodotta e consumata, speriamo non per futuri oneri da aggiungere ai consumatori e produttori di energia. Fonte

clicca qui per scaricare la Delibera 578/13