L’agenzia delle Entrate il 9 marzo, con il Provvedimento 53616, ha stabilito che anche gli ingegneri e gli architetti sono abilitati a trasmettere telematicamente le dichiarazioni di successione e le volture catastali.

L’INARSIND (Sindacato Ingegneri e Architetti Liberi Professionisti Italiani) aveva scritto all’Agenzia delle Entrate per chiedere di estendere questa abilitazione anche agli ingegneri e agli architetti, sulla base delle loro competenze tecniche e a seguito dell’inserimento dei periti e dei geometri.

Il Provvedimento considera soggetti incaricati della trasmissione, anche riuniti in forma associativa:

– gli iscritti all’albo degli Ingegneri,

– gli iscritti all’albo degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori con il titolo di “Architetto” o “Architetto iunior”,

– le agenzie che svolgono, per conto dei propri clienti, attività di pratiche amministrative presso amministrazioni ed enti pubblici, purché titolari di licenza rilasciata ai sensi dell’art. 115 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

L’Agenzia fa sapere che “tale scelta è motivata dalla circostanza che i soggetti in questione, oltre a possedere i necessari requisiti tecnici ed organizzativi, svolgono un ruolo significativo nei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, in particolare per la presentazione delle dichiarazioni di successione e domanda di volture catastali”.

Verrà inviata una circolare da parte del Consiglio Nazionale Ingegneri a tutti i propri iscritti, che illustrerà le modalità di accesso a questa nuova abilitazione.

Fonte