Un governo ostile alle fonti rinnovabili. È il quadro che emerge dal rapporto appena pubblicato da Greenpeace sui provvedimenti attuati dal governo Renzi sul piano energetico

Rinnovabili nel mirino l’attacco del Governo Renzi all’energia pulita

Nel 2015 gli investimenti mondiali nelle energie rinnovabili hanno segnato un nuovo record: 328.9 miliardi di dollari, pari a una crescita su base annuale del 30%.  Un anno d’oro ma non per tutti. Mentre i nuovi giganti delle green energy esultavano e i grandi della terra si accordavano alla COP di Parigi per intensificare la lotta alle emissioni, l’Italia contava le proprie ferite. I vari provvedimenti anti-rinnovabili emanati dal Governo Renzi sono riusciti in pochissimo tempo ad affossare il settore produttivo verde, mandando in fumo investimenti, tagliando posti di lavoro e soprattutto senza garantire nessuno di quei benefici promessi sulla riduzione del caro-bolletta.

A raccontarci nel dettaglio quanto l’Italia abbia perso in questi anni è il nuovo rapporto appena pubblicato da Greenpeace, Rinnovabili nel Mirino.

Se oggi i riflettori sono tutti puntati sui temuti danni che una possibile vittoria del SI al referendum del 17 aprile possa portare al comparto delle fonti fossili (danni presto smentiti), molta meno preoccupazione si è avuta per gli effetti di misure come lo spalma incentivi o la riforma della bolletta elettrica.

Eppure le conseguenze si stanno facendo ampiamente sentire. I posti di lavoro sono in diminuzione: nel 2015 si sono persi 4 mila occupati nel solo settore eolico, mentre aumentano le aziende costrette a chiudere e calano gli investitori.

E mentre si tagliano gli incentivi alle rinnovabili, aumentano quelli alle fonti fossili. Il rapporto di Greenpeace cita il Fondo Monetario Internazionale, secondo cui nel 2014 l’Italia si è piazzata al nono posto in Europa per finanziamenti a combustibili fossili, con 13,2 miliardi di dollari, dato in crescita rispetto ai 12,8 miliardi del 2013.

«L’Italia non attira investimenti in rinnovabili, e il motivo non è la mancanza di sole, vento o altre fonti pulite di energia, ma la strategia di difesa delle fossili dettata dal nostro governo», dichiara Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. «Facendo addirittura peggio dei suoi predecessori, Renzi è riuscito a ostacolare le energie rinnovabili su tutti i fronti: cambiando in corsa accordi già sottoscritti con lo “Spalma incentivi”, modificando la tariffa elettrica per frenare il risparmio energetico e finendo per causare un aumento delle nostre bollette, bloccando i piccoli impianti domestici, specialmente quelli fotovoltaici. Mentre prometteva un “green act” di cui non si hanno più notizie, Renzi è riuscito a mettere in ginocchio un settore che nel resto del mondo crea occupazione e benefici sia all’ambiente sia ai cittadini».

Fonte