I lavoratori autonomi versano 128 milioni per l'assistenza medica e ne ricevono 53. E sulle pensioni va ancora peggio: pagano 7 miliardi e incassano solo 500 milioni 

La beffa delle partite Iva non possono ammalarsiAltri non sanno nemmeno di avere un qualche accenno di diritto e vanno avanti come hanno sempre fatto, senza contare su tutele e aiuti dallo Stato. Pagano i contributi per l'assistenza, ma al momento del bisogno non provano nemmeno a incassare le prestazioni minime che gli spetterebbero: indennità, congedi parentali, assegni familiari, malattia ospedalizzata e domiciliare.
Le partite Iva, gli autonomi iscritti alla gestione separata dell'Inps, ci sono abituati. Sanno di essere considerati lavoratori di serie B da politica e istituzioni. L'esclusione (forse temporanea) dal bonus fiscale del governo Renzi non li ha sorpresi più di tanto.
Semmai è l'idea di un welfare a loro dedicato ad apparirgli una stramberia. 
Peccato che il conto dello Stato sociale made in Italy, una Cinquecento con consumi da Ferrari, lo debbano comunque pagare. Ad accorgersi della fregatura l'Associazione dei consulenti del terziario avanzato. I contributi per l'assistenza portano alle casse Inps poco più di 128 milioni di euro, «ben più del doppio dei 53 milioni che ci vengono restituiti!», scrive Anna Soru di Acta in un'analisi intitolata: «L'Inps lucra anche sulle nostre prestazioni assistenziali». In sostanza si sta replicando, in piccolo, quello che succede già da anni per le pensioni: gli autonomi iscritti all'Inps pagano più di sette miliardi in contributi e ricevono assegni per poco più di 500 milioni. 

È vero che per l'assistenza si parla di cifre basse; il contributo è lo 0,72% del reddito, ma «ci viene restituito (comprendendo tutte le prestazioni, ndr) solo il 41% di ciò che versiamo e quindi ci sono spazi per migliorare». In realtà migliorare le prestazioni è un'utopia. L'attivo della gestione separata serve a coprire i buchi delle altre gestioni, comprese quelle dei lavoratori subordinati. E, visto lo stato dei conti della previdenza, la situazione rimarrà questa. A crescere sarà semmai l'aliquota: dal 27,7% al 33% nel giro di quattro anni. 
A rompere il silenzio, oltre all'analisi Acta, alcune testimonianze che spuntano qua e là. La più significativa è sicuramente quella di Daniela Fregosi, consulente aziendale grossetana, diventata la portabandiera delle partite Iva che si ammalano. Nel luglio 2013, a 45 anni, si è scoperta un tumore al seno. «I primi mesi li ho passati a piangere e disperarmi», ha raccontato alla presentazione di un'iniziativa della Cisl sui diritti dei precari e degli autonomi con il segretario Raffaele Bonanni.
Dopo la disperazione, la rabbia, quando ha scoperto che, a fronte di più di 75mila euro versati alla gestione separata dell'Inps dal '97, per la sua malattia le riconoscevano un'elemosina: «Un massimo di 61 giorni di malattia all'anno, in cui ho percepito 13 euro al giorno. Un tumore non è un'influenza e con 61 giorni non ci fai niente». Stesse malattie dei lavoratori dipendenti, diritti molto diversi
Dalla rabbia, la Fregosi è passata all'azione. «Visto che da 22 anni faccio lavoro autonomo e sono abituata a prendere l'iniziativa, ho aperto un blog, Afrodite K. Nato per scherzo, in pochi mesi ha registrato 60mila accessi. Ho cominciato a denunciare quello che mi accadeva e a dare informazioni di servizio». La protesta è sfociata in una petizione (fino ad oggi 37mila firme) per dare agli autonomi gli stessi diritti dei dipendenti e un'azione di disobbedienza civile. Quando a dicembre le è arrivata una rata Inps da 3.000 euro, non l'ha pagata. «Io ho deciso di non pagare, ma molti non lo fanno perché non hanno soldi». E restano in silenzio. Fonte