Quali sono le fasce orarie dei prezzi dell’energia elettrica che paghiamo in bolletta?

Premessa: l’energia elettrica durante il giorno non ha sempre lo stesso prezzo. Il costo dell’energia elettrica all’ingrosso varia sulle 24 ore in base alle fasce orarie di produzione e consumo. Seguendo lo stesso meccanismo anche il prezzo di acquisto all’ingrosso (sulla borsa elettrica) sale e scende in ore differenti della giornata.

Per quale motivo il costo dell’energia cambia nelle diverse ore della giornata?

Il motivo è molto semplice: la domanda di elettricità non è la stessa in tutte le ore del giorno e della notte. Nelle ore di picco della richiesta devono essere messi in funzione impianti più costosi (e più impianti) che fanno salire il prezzo di vendita dell’energia sul mercato elettrico. Il prezzo è infatti regolato dalle leggi della domanda e dell’offerta: ad un surplus di domanda corrisponde l’aumento del prezzo. Ad un eccesso di offerta sul mercato il prezzo, invece, diminuisce.

Durante i giorni infrasettimanali, quando le attività lavorative e diurne aumentano al massimo il consumo energetico, l’elettricità ha un costo maggiore (perchè l’offerta è minore della domanda). Di sera e di notte, quando la domanda è al minimo, il prezzo dell’elettricità scende perchè diventa un bene relativamente abbondante rispetto alla richiesta del momento.

Bolletta-luce-e-gasCol fotovoltaico sempre più diffuso queste dinamiche del mercato elettrico vengono “attutite” perchè la produzione fotovoltaica è maggiore proprio nei momenti di maggiore richiesta di elettricità: di giorno, con tutti gli impianti fotovoltaici in funzione, l’offerta di energia a basso costo è abbondante sul mercato. Ecco perchè il fotovoltaico contribuisce a ridurre le fluttuazioni del prezzo dell’energia elettrica.

Nonostante l’incidenza positiva del fotovoltaico sul mercato elettrico, in condizioni normali il prezzo di vendita dell’elettricità sulla borsa elettrica varia in base alle ore del giorno. Per questo motivo la “Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas” ha emesso tariffe elettriche sul mercato tutelato differenziate per 3 differenti fasce orarie di consumo.

Allo stesso modo le offerte di diversi altri fornitori elettrici prevedono tariffe differenziate per fasce orarie.

 

Quali sono le fasce orarie dei prezzi dell’energia elettrica?

Questa è la tabella delle 3 fasce orarie dei prezzi dell’elettricità definite dall’ Autorità per l’energia elettrica ed il gas.

Queste sono le tre fasce orarie nelle quali l’energia ha costi differenti:

Fasce orarie dei prezzi energia elettrica definite dall'AEEG

Fasce orarie dei prezzi dell’ elettricità (F1 , F2 , F3)

  • F1: fascia più costosa per le utenze domestiche. Corrisponde agli orari in cui l’energia è utilizzata per lo più dalle attività produttive. Corrisponde infatti agli orari lavorativi: dal lunedì al venerdi dalle 8 alle 18.00.
  • F2 e F3: nelle bollette di utenze domestiche in genere queste due fasce vengono accorpate, e sono le fasce orarie in cui l’energia costa di meno. Nei giorni infrasettimanali è dalle sette di sera alle sette di mattino e tutte le intere giornate di sabati, domeniche e festivi.

Con l’installazione di un impianto fotovoltaico, che è produttivo nelle ore diurne, conviene consumare “al momento della produzione” e non più nelle ore serali/notturne o nelle sole giornate di sabati, domeniche e festivi.

Per massimizzare l’autoconsumo “in sito”, dunque, può essere opportuno spostare in consumi nelle ore diurne, orari di massimo irraggiamento, per utilizzare la propria energia al momento stesso della produzione.

Se, invece di utilizzare l’energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico, si preleva elettricità dalla rete, è meglio prelevarla, per quanto possibile, nelle ore serali, sabati, domeniche e festivi perchè in questi momenti si beneficia di tariffe più convenienti. Fonte