Una lampada a LED sospesa per aria che fluttua liberamente in casa? Non è pura follia ma l’invenzione, per quanto bizzarra, dal diciottenne studente australiano di Ingegneria Elettronica, Chris Rieger, che dopo 6 mesi di esperimenti e tentativi falliti è riuscito a creare il ‘mirabolante’ oggetto.

La lampadina a levitazione messa a punto da Rieger si chiama LevLight e per il momento è solo un prototipo che potrebbe irrompere sul mercato rivoluzionando per sempre il concetto di illuminazione domestica (e non solo). L’obiettivo del progetto era quello di ottenere luce a basso costo senza l’uso di fili o cavi normalmente necessari all’istallazione dei tradizionali sistemi di illuminazione artificiale.

luce-levitante LevLightLa LevLight, infatti, levita letteralmente grazie ad un sistema di induzione elettromagnetica che la porta a galleggiare nella stanza e si illumina grazie ad una sorgente luminosa a LED con meno di 9 W, senza bisogno di collegamenti e fili elettrici.

Il principio è l’induzione generata tra una elettrocalamita (formata da una bobina con un filo di rame) nascosta nel soffitto e un magnete posto nella parte luminosa in levitazione, creando così il sorprendente effetto ‘galleggiante’ della lampadina per attrazione. Quando è in funzione si genera una corrente di 0,2 ampère d’intensità con una potenza di appena 12 volt.

E se salta la corrente? Niente paura, perché la parte in sospensione che irradia luce si attacca automaticamente al blocco di trasmissione nel soffitto senza cadere per terra.

Il sistema di illuminazione ‘levitante’ creato da questo giovane inventore potrebbe eliminare per sempre la necessità di utilizzare cavi, trapani e martelli per far luce nelle nostre case.

Resta solo un interrogativo da sciogliere: riusciremo ad abituarci alla visione di lampadine galleggianti proprio sulle nostre teste? Fonte

GUARDA IL VIDEO