10 errori stupidi che le persone intelligenti commettono testando l'elettricità 1

Chi si guadagna da vivere lavorando con l’elettricità sviluppa rapidamente un sano rispetto per qualsiasi cosa che abbia anche con una remota possibilità di essere “viva”. Tuttavia, la necessità di finire un lavoro in tempo o di rimettere online un componente critico può portare a incuria e ad errori non caratteristici anche da parte dell’elettricista più esperto.

Il seguente elenco è stato pensato come rapido promemoria di cose da non fare quando si effettuano misurazioni elettriche.

1. Sostituire il fusibile originale con uno più economico

Se il tuo tester soddisfa gli standard di sicurezza odierni, quel fusibile è uno speciale dispositivo di protezione progettato per scoppiare prima che un sovraccarico si riversi sulla tua mano. Quando cambi il tuo fusibile, assicurati di sostituirlo con un fusibile autorizzato.

2. Usare un pezzo di cavo o di filo metallico per sostituire del tutto il fusibile

Può sembrare una soluzione rapida se in quel momento ti trovi senza un fusibile sostitutivo, ma quel fusibile potrebbe essere l’unica cosa in grado di salvarti da una scossa!

3. Utilizzare lo strumento sbagliato per il lavoro

È importante che il multimetro digitale sia adatto all’ambiente di lavoro nel quale si va ad operare. Lo strumento deve avere la classe di sicurezza CAT per ciascuno dei lavori da eseguire, anche se questo significa cambiare continuamente strumento.

4. Comprare il tester più economico sul mercato

È sempre possibile prenderne un altro successivamente, giusto? Forse no, se finisci vittima di un incidente di sicurezza perché quello strumento di test a basso costo in realtà non conteneva le caratteristiche di sicurezza che pubblicizzava.

5. Lasciare gli occhiali di sicurezza nel taschino della camicia

Prendili. Indossali. È importante. Idem per guanti isolati e indumenti ignifughi.

6. Lavorare su un circuito live

Interrompere sempre l’alimentazione del circuito, quando è possibile. Se la situazione richiede che si lavori su un circuito sotto tensione, usare strumenti correttamente isolati, indossare guanti di protezione, togliere l’orologio o altri gioielli, tenere i piedi su un tappetino isolante ed indossare indumenti ignifughi, non normali indumenti da lavoro.

7. Non usare le corrette procedure di blocco/esclusione (lockout / tag-out)

8. Tenere entrambe le mani sul tester

Non fatelo! Quando si lavora su circuiti sotto tensione, ricordare il vecchio trucco dell’elettricista: “tenere una mano in tasca”. Questo accorgimento limita il rischio che si chiuda un circuito che attraversi il petto passando per il cuore. Se possibile, appendere o appoggiare lo strumento. Evitare per quanto possibile di tenerlo in mano per evitare di esporsi agli effetti dei transitori.

9. Trascurare i puntali

I puntali sono una componente importante del tester. Assicurati che i cavi corrispondano anche al livello CAT del tuo lavoro. Cerca un tester che abbia punte con doppio isolamento, connettori di ingresso schermati, protezioni per le dita e una superficie antiscivolo.

10. Affezionarti troppo ai tuoi vecchi strumenti di sicurezza

I multimetri odierni hanno funzionalità di sicurezza fino a qualche anno fa mai viste, caratteristiche che valgono sicuramente il costo di un aggiornamento delle apparecchiature, anche perché molto meno costose di una visita al pronto soccorso.

Fonte